Psicoterapia on line

Viviamo ormai immersi un un mondo sempre più tecnologico. Utilizziamo whatsapp, facebook, instagram, twitter, scegliamo le mete delle nostre vacanze e facciamo acquisti on line. Queste mutate abitudini di vita possono contagiare anche il mondo della psicoterapia? Sembrerebbe proprio di sì.
Negli ultimi anni numerosi studi hanno cercato di valutare l’esito degli interventi “on line” per cercare di capire se essi portino a miglioramenti clinici rispetto a gruppi di controllo “off line”. E i risultati sono stati incoraggianti. Si rilevano infatti miglioramenti significativi nei soggetti che hanno partecipato a diversi interventi psicoterapeutici con una gamma di disturbi clinici che includono disturbi di panico, disturbi alimentari, disturbi post-traumatici da stress e in casi di lutto.
Alcuni ricercatori di Zurigo, in uno studio nel 2013, hanno addirittura superato le loro aspettative, osservando alla fine del trattamento on line, una remissione della depressione nel 53% dei pazienti trattati con psicoterapia on line e nel 50% dei pazienti trattati con psicoterapia tradizionale faccia a faccia. Un mondo ancora tutto da scoprire, insomma, ma che potrebbe dare risultati sorprendenti.

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

10-1-2019